Thanos – le origini del Titano Pazzo

Thanos. Il Titano Pazzo (creato da Jim Starlin nel 1973),che a breve vedremo al cinema.

Il 25 aprile arriverà sugli schermi italiani l’attesissimo film targato Marvel: “Avengers – Infinity War”. Sappiamo già che il nemico di turno, il vero nemico degli Avengers, sarà un essere di nome Thanos, già apparso in altri tre film della medesima casa di produzione, ovvero “The Avengers” (in cui è interpretato da Damon Poitier); “Guardiani della Galassia vol.1” e “Avengers – Age of Ultron” (in entrambi viene impersonato da Josh Brolin). Anche in questo nuovo capitolo Josh Brolin, vestirà i panni del temibile Thanos.

La sua prima apparizione nel mondo dei fumetti risale a febbraio del 1973, nel numero 55 della serie “The Invicible Iron Man”.

Ma chi è veramente Thanos? E da dove viene?

Thanos è decisamente uno dei villain più forti e pericolosi dell’universo Marvel. Figlio di Mentore e Sui-San, che furono fra i primi Eterni (una specie molto potente di sovrumani) ad approdare su Titano per colonizzarlo. Nato con una deformazione fisica, causata dalla “Sindrome Deviante”, il suo aspetto è molto simile ai membri della razza Skrull: pelle spessa e resistente, simile ad una corazza, di colore tra il grigio e il viola, un grande mento, calvo e con un corpo enorme. Nonostante abbia ottenuto una gran forza grazie all’applicazione di una serie di impianti cibernetici, quello che lo distingue dai suoi compatrioti è l’intelligenza, che supera quella di tutti gli altri abitanti di titano.

Per Thanos tutti gli esseri viventi sono dei mostri, e considera chiunque non sia alla sua altezza o utile alla sua causa, un povero stolto da eliminare.

Tra i suoi primi nemici, ci sono i membri stessi della sua famiglia. Odia con tutto il cuore suo fratello Eros. In una delle saghe Marvel (“La Saga del Guanto dell’Infinito), rapisce Eros e lo tiene in vita solo per poterlo torturare in eterno. Motivo di questo profondo odio è il fatto che Eros è sempre stato ciò che non è mai stato lui: bello, amato dalla sua famiglia e adorato dal suo popolo. L’unico essere che teme è suo padre Mentore, l’unico in grado di potergli far cambiare il suo pensiero sulla visione del mondo. Quando organizzò uno sterminio di massa e distrusse metà della popolazione dell’universo, Thanos si assicurò che suo padre fosse tra i defunti. Per quanto riguarda sua madre (Sui-San), morta anch’essa, non si sa di preciso in quali rapporti fossero. La versione più comune sulla morte di Sui-San narra che Thanos stesso l’abbia uccisa aprendola in due con un bisturi, come dono alla Morte. Viene esiliato da Titano e per svariati anni viaggiò per l’universo a bordo della sua astronave, Santuario II, compiendo un crimine dopo l’altro, sempre per amore della Morte. E’ proprio per questa sua infatuazione che mette insieme un esercito e torna su Titano conquistandolo e divenendone il padrone assoluto.

Soddisfare e compiacere la sua amata Morte è il suo più grande desiderio. Persino la ricerca del Cubo Cosmico e delle Gemme dell’Infinito serve a questo scopo. Il piano di Thanos è quello di trovare le Gemme e il Cubo per poi conquistare la Terra, sterminando la razza umana, ed offrirla in dono alla sua amata.

 

Sul suo cammino verso il ritrovamento delle Gemme dell’Infinito, del Cubo Cosmico e della conquista della Terra, ci sono gli Avengers. Per questo motivo giunge sul pianeta prima di aver trovato tutte le Gemme…

Ma non voglio rischiare di fare spoiler sul film di imminente uscita quindi sarà meglio che mi fermi qui… Motivo per il quale vi parlerò di nuovo di Thanos dopo la visione di “Avengers – Infinity War”.

 

Andrea Di Mastrorocco